SoftMaker logo

SoftMaker Office 2018: ecco le novità. - Parte 3

Mercoledì, 17 Gennaio 2018 08:00

Gentili clienti SoftMaker,

nel terzo articolo della nostra serie parleremo di PlanMaker 2018, la nostra potente applicazione per i fogli di calcolo. In particolare, ci soffermeremo su una caratteristica che, a prima vista, potrebbe non apparire così nuova: "le tabelle". Probabilmente, vi starete chiedendo che cosa ci sia di davvero speciale nelle tabelle quando si usa un foglio di calcolo. In questo articolo lo capirete, e scoprirete anche molte altre cose.

Buona lettura!

Parte 3: PlanMaker

Un mondo completamente nuovo: le tabelle (all'interno di altre tabelle)

Innanzitutto, il comune termine "tabella" della funzione qui sotto descritta non l'abbiamo inventato noi, ma il produttore di un altro ben noto foglio di calcolo. Per evitare di creare ulteriore confusione abbiamo quindi deciso di adottare anche noi questo termine in PlanMaker.

Ma che cosa sono? In poche parole, non sono altro che aree all'interno di un foglio di lavoro che possono essere formattate con un solo clic e nelle quali si possono dinamicamente inserire dei dati ai quali fare riferimento adottando una sintassi particolare. Qui di seguito spiegheremo come funzionano e come gestirle al meglio.

Definizione di un'area da impostare come tabella

La definizione di un'area alla quale associare una tabella è relativamente semplice. È sufficiente selezionare una delle celle poste all'interno dell'intervallo di celle che si desidera convertire in tabella e, quindi, fare clic su Inserisci | Tabella. Se si utilizza l'interfaccia con menu classici, avviare il comando Foglio di calcolo > Nuova tabella.

A questo punto, PlanMaker visualizzerà la finestra di dialogo seguente che consente di determinare l'area del foglio da destinare alla tabella:

Nella schermata precedente, osservate la tabella che appare sotto la finestra di dialogo: sebbene sia stata selezionata una sola cella, PlanMaker ha riconosciuto automaticamente l'area sorgente per la generazione della tabella e ha proposto un suggerimento. Si potrà semplicemente accettare il suggerimento, oppure modificarlo.

Se si ritiene che l'area selezionata sia corretta, confermarla facendo clic su "inserisci". Viene ora visualizzato l'aspetto dell'area che verrà formattata come tabella:

Bene, ma che cosa è successo? Oltre alla formattazione automatica con uno stile di tabella – riconoscibile nella figura precedente per la presenza di fasce blu e bianche – per quest'area si avranno a disposizione anche le opzioni seguenti:

AutoFiltro automatico: la prima riga di ogni tabella così creata viene associata a un AutoFiltro che si comporta nello stesso modo di un comune AutoFiltro del foglio di lavoro, con la differenza che agirà solo sui valori inseriti nella tabella. Vale a dire che non influirà sulle celle poste al di sotto della tabella stessa. Inoltre, in questo modo non si dovrà più sottostare alla limitazione che prevede un solo AutoFiltro per foglio di lavoro in quando ogni tabella ne avrà uno proprio.

Riferimento dinamico: si può fare riferimento al contenuto delle tabelle utilizzando una sintassi speciale che contribuisce a facilitare ulteriormente l'aggiunta di dati dinamici.

Per esempio: supponiamo di dover calcolare la media dei valori della colonna "2016" della tabella sopra riportata. In questo caso sarà sufficiente immettere in una qualsiasi cella la stringa "=MEDIA(Tabella1[2016])".

Ci si potrebbe ora chiedere quale sia il reale vantaggio di questa sintassi rispetto alla stringa "=MEDIA(D2:D11)," che genera lo stesso risultato. È proprio qui che entra in gioco il concetto di "dinamico" sopra richiamato. Quando nella tabella si inseriranno ulteriori valori, questi verranno automaticamente compresi nel calcolo:

In questo modo si avrà sempre la certezza che il calcolo della media coinvolga tutta la colonna "2016" della tabella, e questo indipendentemente dal numero di celle contenute nella colonna.

Aggiunta di nuovi valori a una tabella Anche questa è un'operazione abbastanza semplice, e si hanno a disposizione tre opzioni:

  • selezionare la cella in basso a destra della tabella e premere il tasto "Tab";
  • allargare l'area della tabella trascinando il piccolo triangolo in corrispondenza dell'angolo inferiore destro della tabella;
  • immettere un valore in una cella all'immediata destra o immediatamente sotto la tabella stessa.

Se per estendere la tabella si preferisce operare con le finestre di dialogo, utilizzare Tabella | Intervallo (nell'interfaccia con menu classici avviare il comando Foglio di calcolo > Tabella > Intervallo tabella).

I riferimenti dinamici alle celle si dimostrano anche estremamente utili quando presenti in tabelle che fungono da sorgente per la creazione di tabelle pivot. Quando si selezionerà il comando "Aggiorna tabella pivot", i nuovi valori aggiunti alla tabella sorgente verranno inseriti anche nella tabella pivot.

La nuova sintassi per fare riferimento al contenuto di una tabella offre molte altre opzioni, come il coinvolgimento di varie colonne, di righe specifiche di una tabella ecc. L'elenco completo di tutte queste possibilità va però oltre lo scopo di questo articolo. Per una loro descrizione particolareggiata si rimanda alla Sezione "Tables in tables" del nostro Manuale PlanMaker.

Opzioni di formattazione speciale: come avete già visto, all'area contrassegnata come tabella è stato applicato uno stile di tabella che, tuttavia, non è l'unico che è possibile applicare a una tabella. Il menu contestuale della barra multifunzione "Tabella" ne mette a disposizione molti altri. Per attivare la barra multifunzione corrispondente selezionare una cella della tabella; in Tabella | Stili tabella verrà visualizzato l'elenco di altri modelli di tabella:

Se si sta usano l'interfaccia con i menu classici, per visualizzare questo stesso elenco avviare il comando Foglio di calcolo > Tabella > Impostazioni tabella della scheda "Stile".

Come mostrato nella schermata precedente, oltre all'applicazione dei modelli, le tabelle mettono a disposizione altre opzioni di formattazione tra cui l'evidenziazione della prima o dell'ultima colonna o l'applicazione automatica di "fasce" colorate alle varie righe o colonne.

Riga intestazione e Riga totale sono funzioni speciali: in aggiunta alle opzioni di formattazione, a entrambi questi elementi si possono applicare caratteristiche tecniche specifiche.

La riga di intestazione può contenere i controlli per l'AutoFiltro di cui abbiamo parlato in precedenza. Per filtrare e riorganizzare il contenuto di una tabella fare clic sulle piccole punte di freccia in corrispondenza dell'angolo superiore destro di ogni singola cella.

Anche la riga dei totali associa a ogni singola cella propri elementi di controllo, tra cui l'esecuzione di calcoli sui valori chiave presenti nella colonna sovrastante. Per esempio, la riga dei totali potrà essere utilizzata per calcolare la media dei valori sovrastanti.

Fra l'altro, i metodi tradizionali consentono anche di modificare il contenuto e la formattazione delle tabelle. Per esempio, se si desidera mettere in evidenza il contenuto di una cella, lo si potrà fare modificando il colore del carattere. È anche possibile intervenire all'interno di una tabella utilizzando la comune sintassi di una formula.

Novi stili di cella

Se avete già usato versioni di PlanMaker precedenti conoscerete già coma applicare uno stile a una o più celle. Grazie alla presenza di numerosi nuovi stili, l'applicazione di uno stile prelevato da un attraente elenco è oggi più facile che mai, senza per questo perdere la compatibilità con Microsoft Excel 2016. L'elenco degli stili è accessibile da Inizio | Stili cella:

Se si usa l'interfaccia classica con menu e barre degli strumenti, gli stili sono contenuti in un menu classico a discesa della barra degli strumenti "Formattazione".

Impostazione della dimensione degli indicatori di scheda di un foglio di lavoro

A seguito delle numerose richieste pervenute dai clienti, abbiamo aggiunto una funzione particolare che consente di lavorare più agevolmente in presenza di più fogli di lavoro: ora l'utente può impostare la dimensione degli indicatori di scheda dei fogli di lavoro. Se si ritiene che gli indicatori di scheda siano troppo piccoli, li si potrà ingrandire agendo sulle impostazioni della scheda "Visualizza":

Gli indicatori di scheda del foglio di lavoro assumeranno la dimensione impostata:

È possibile applicare al carattere una dimensione compresa tra 4 e 48 punti.

Ci auguriamo di avervi fornito un'utile presentazione di alcune delle più importanti e nuove caratteristiche di PlanMaker 2018.

Come al solito, rimaniamo in attesa dei vostri commenti su questo articolo. Ancora una volta, vi invitiamo a condividere con noi le vostre impressioni ed esperienze.

Buon lavoro con il nostro nuovo SoftMaker Office!

Da qui potete scaricare la versione di prova gratuita per 30 giorni.

 

6 commenti

  • MARCO MAZZOCCHI inviato da MARCO MAZZOCCHI
    Martedì, 06 Febbraio 2018 23:40

    Grazie per il vostro commento. Il francese è in cima alla nostra lista di lingue in cui traduciamo il nostro sito web E L'ITALIANO ?, COMUNQUE, IN MOLTI HANNO CERCATO DI CERARE UN'ALTERNATIVA, AL PROGRAMMA DI BILL GATES. RESTA IL FATTO CHE I VOSTRI PROGRAMMI, SONO UN'OTTIMA OPPORTUNITA', RISPETTO AL MICROSOFT OFFICE. ALLA PROSSIMA !
    MARCO MAZZOCCHI

  • SoftMaker inviato da SoftMaker
    Martedì, 23 Gennaio 2018 08:18

    Fatcheur2a: Grazie per il vostro commento. Il francese è in cima alla nostra lista di lingue in cui traduciamo il nostro sito web.

    [Merci pour votre commentaire. Le français est en tête de la liste des langues dans lesquelles nous allons traduire notre site Web.]

    [Thanks for your comment. French is on top of our list of languages into which we're going to translate our website.]

  • COLACINO Giuseppe gc.19540820@tin.it inviato da COLACINO Giuseppe gc.19540820@tin.it
    Sabato, 20 Gennaio 2018 20:06

    Quando si decideranno ad avere una documentazione in ITALIANO ??????

  • maurizio inviato da maurizio
    Sabato, 20 Gennaio 2018 11:47

    sarebbe bello poter scaricare esempi già pronti ;-)

  • Fatcheur2a inviato da Fatcheur2a
    Sabato, 20 Gennaio 2018 04:36

    Perchèrent ùn avete spegazioni in francese? Hère assai pecatu !

  • Liliana inviato da Liliana
    Venerdì, 19 Gennaio 2018 20:52

    Ho già comprato office 2018 e mi sto esercitando con tutto il programma. la parte delle tabelle che avete spiegato qui sopra è molto interessante ed educativo. sto già facendo delle prove e le sto usando nelle cose più semplici.

Lascia un commento